www.zoetis.it  utilizza i cookie per migliorare  la vostra esperienza di navigazione.  Continuando a navigare sul nostro sito acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Per avere maggiori informazioni sui cookie e sul loro utilizzo vai alla sezione Cookie Policy.

Italia

Tracheobronchite infettiva

Tosse dei canili

La tosse dei canili è una malattia, o più correttamente, una sindrome respiratoria molto contagiosa. Si trasmette per contatto ravvicinato con un cane infetto ed è spesso associata all'ambiente dei canili. Può essere causata da virus e/o batteri.

Mostra tutto
  • Sono coinvolti numerosi agenti infettivi e l'infezione può coinvolgere microrganismi diversi. I virus coinvolti principalmentei sono gli adenovirus canini (CAV 1 e CAV 2), il virus della parainfluenza, il reovirus canino, l'herpesvirus canino e il coronavirus respiratorio canino. Il batterio principale è la Bordetella bronchiseptica.
    Sia i virus che i batteri vengono diffusi nell'aria dai cani infetti in seguito a starnuti e tosse. Quando vi sono numerosi cani a contatto tra di loro, come avviene nei canili o nelle mostre canine, l'infezione si diffonde rapidamente e colpisce un'elevatissima percentuale di cani. Gli agenti infettivi danneggiano e irritano il rivestimento della trachea e delle vie respiratorie superiori, causando la tosse.

  • I sintomi comprendono una tosse caratteristica di intensità e durata variabili, a seconda del soggetto e degli agenti infettivi interessati. La tosse è profonda e molto forte e questo può provocare conati di vomito, starnuti, sbuffi, sensazione di strozzamento o vomito. Spesso la tosse inizia dopo un momento di agitazione o dopo l'attività fisica. La tosse può essere stimolata toccando la trachea. Spesso viene osservato scolo nasale e oculare e compare febbre. Raramente la malattia può progredire fino alla polmonite.

    Durante le epidemie, solitamente vengono infettati molti cani (fino all'80% nei canili), ma la maggioranza guarisce completamente.

    I sintomi iniziano 3-5 giorni dopo l'infezione e possono continuare anche per più di 3 settimane.

  • Diagnosi clinica

    • Nei canili la diagnosi è relativamente semplice, osservando la diffusione rapida della tosse dei canili in molti soggetti in seguito al contatto con un nuovo cane introdotto nel canile.
    • Nel singolo animale la diagnosi può risultare più difficile, poiché la tosse può essere dovuta ad altre cause.

    Test diagnostici

    • È possibile eseguire alcuni test nei cani per isolare i virus o i batteri coinvolti nell'infezione oppure analizzare due campioni di sangue prelevati a distanza di tempo per ricercare la presenza dell'infezione.

  • Il trattamento ha lo scopo di prevenire le complicazioni e alleviare la tosse.

    • Il trattamento antibiotico viene usato per trattare le infezioni batteriche.
    • I farmaci antitosse, i broncodilatatori e gli antinfiammatori vengono usati per alleviare la tosse.
    Gli infetti devono essere isolati dagli altri cani a rischio di infezione ed è necessario adottare misure igieniche adeguate.

  • La prevenzione viene attuata mediante la vaccinazione contro la Bordetella bronchiseptica e il virus della parainfluenza. I canili spesso non accettano cani che non sono stati vaccinati di recente. La vaccinazione va effettuata almeno 2 settimane prima di entrare nel canile o di partecipare ad una mostra canina.